Seleziona una pagina

Ernst Lossa nasce il 1 novembre 1929 ad Augusta, in una famiglia di Jenisch. Il regime li definisce “zingari” e toglie ai genitori la patria potestà obbligando i figli all’orfanotrofio. La madre intanto muore di tubercolosi ed il padre è eliminato a Flossenbürg, quando Ernst aveva appena 4 anni. Ernst, considerato instabile mentalmente perché “zingaro non educabile” è trasferito alla clinica di Irsee per essere sottoposto al programma eutanasia. Il 9 agosto 1944, Ernst Lossa muore per iniezione letale di farmaci somministratigli dall’infermiera Pauline Kneissler.

«Il giorno prima di morire mi lasciò una foto con la dedica ‘In memoria’ sul retro. Gli chiesi come mai mi aveva dato quella foto, rispose che era sicuro che sarebbe morto in quell’istituto e mi raccomandò che, siccome ero l’unica persona a volergli bene, fossi io a seppellirlo quando sarebbe morto. – Il giorno dopo Ernst Lossa fu ucciso tramite due iniezioni letali» 

deposizione di un’infermiera della clinica di Irsee al Processo di Norimberga, 1946