Seleziona una pagina

La razzia romana del 16 ottobre 1943

La razzia nel rapporto del Comando tedesco 

«Il Comando Tedesco di Roma, Diario di guerra dal 23 settembre 1943 al 31 ottobre 1943:

(…)

16 ottobre 1943

Nella notte scorsa ha avuto inizio l’operazione condotta dal Servizio Germanico di sicurezza destinata all’arresto degli ebrei di Roma. L’azione è terminata oggi pomeriggio alle ore 16.00. Per l’esecuzione del piano furono poste a disposizione le Compagnie di polizia 5/15, 3/20 e 11/12 della Polizia di sicurezza. Quali saranno le conseguenze dell’operazione è ancora presto per poterle conoscere. È però da supporre che la stessa intimidirà i molti italiani ostili, come gli autori degli ultimi atti di sabotaggio. 

(…)

17 ottobre 1943

(…) Nel corso dell’azione destinata all’arresto degli ebrei residenti a Roma, soltanto 900 furono catturati. La cifra poco elevata è spiegabile col motivo che i discendenti dai matrimoni misti non furono arrestati. L’operazione si è conclusa alle ore 12.00 antimeridiane. Il trasferimento degli ebrei è fissato per il 18 ottobre. Nessun particolare incidente da segnalare».

Fonte: Processo di Norimberga, documento NO-315, in National Archives and Records Administration, RG 238, Entry 174, Box 6, location 190/12/23/4. RG, in: S.H. Antonucci, C. Procaccia, G. Rigano, G. Spizzichino (a cura di), Roma, 16 ottobre 1943. Anatomia di una deportazione, prefazione di L. E. Paserman, Milano 2006, pp. 149-150 e pp. 173-174, traduzione dal testo tedesco di Michael Tagliacozzo