Seleziona una pagina

Il rifiuto della guerra e dell’ideologia nazista spinge molti, nei diversi paesi occupati, a non aderire e a non sostenere la prospettiva nazista. Scelte che, talvolta, si trasformano in atti di disobbedienza e quindi di vera e propria opposizione.  Nell’ottica dell’occupante (e dei suoi alleati e collaboratori) la mancata collaborazione viene, tanto più con lo scorrere dei mesi del conflitto, identificata con un’azione ostile per la quale sono previste pene sempre più pesanti, fino a quella capitale. La Resistenza è proprio formata da questa ampia varietà di comportamenti che, unificati, da un no al nuovo ordine hitleriano, esprimono diversi gradi di consapevolezza politica e varie modalità di manifestazione e partecipazione.  Una parola singolare dal significato plurale.  Dal boicottaggio delle direttive naziste a quello del sistema economico (a partire dalla mancata consegna del grano e dei prodotti agricoli agli ammassi) ed infrastrutturale, dalla militanza nei gruppi di opposizione clandestina alla diffusione di stampa “sovversiva”, alla lotta armata entro strutture più o meno organizzate e diversamente orientate politicamente. Resistere significa compiere anche gesti “semplici”, come tagliare i fili del telegrafo o gettare chiodi sulle strade per danneggiare le gomme degli autocarri nazisti, ma fondamentali e sempre gravati da conseguenze potenzialmente letali. Ma comporta anche dover affrontare la scelta di uccidere, il confronto quotidiano con la violenza e la precarietà dell’esistenza, pure nella forma più drammatica della guerra civile rispetto ai connazionali che sostengono l’occupazione nazista. La storiografia ha evidenziato come “Resistenza civile” l’insieme dei comportamenti di opposizione non armata tesi sia al supporto dell’attività delle forze partigiane, sia alla protezione delle diverse categorie di persone perseguitate dai nazisti e dai loro alleati (ebrei, renitenti alla leva, disertori, oppositori politici). Fondamentale è il ruolo e la presenza delle donne sia nei diversi aspetti della Resistenza civile sia nella stessa Resistenza armata.